D1 Milano utilizza cookies per offrire la migliore esperienza sul sito e per fornire annunci e contenuti personalizzati.
Navigando acconsenti alla nostra
cookie policy
SPEDIZIONE GRATIS SUGLI ORDINI A PARTIRE DA €100

Q & A con: Dimitri Mussard fa una vita dal fare Giovani trendy Big in Brasile

Made in Paris, con sede a San Paolo. Dimitri Mussard trasferito a Londra in giovane età, per perseguire una carriera nel commercio di materie prime. Questo fino a quando il francese ha deciso di voltare pagina nel 2007, con lo stipendio più bonus banchiere si era guadagnata, di viaggiare in tutto il mondo per un anno e mezzo. Questo in ultima analisi, lo ha portato a fondare Acaju do Brasil, uno showroom di San Paolo-based.
L'ultimo nome ad unirsi Acaju fare portafoglio marchi Brasils, non è altro che D1 Milano. Siamo venuti per tutta la notte del D1 Milano x Acaju do Brasil evento di lancio, per un sit-down con Dimitri, che ci ha detto di più sulle lotte di iniziare un'attività in Brasile (come uno straniero).

Allora, che cosa ti ha spinto a fare una mossa permanente a San Paolo?
Quando ho viaggiato in tutto il mondo per un anno e mezzo, con nient'altro che uno zaino, la mia prima tappa è stata il Brasile. Il paese è rimasto nel mio cuore e al ritorno a Parigi, il mio vicino brasiliano ha detto che aveva un appartamento a disposizione per me a San Paolo; Ho subito preso off. Quello che mi piace di più il Brasile è il popolo. Un altro motivo per l'amore Brasile è il suo paesaggio unico. E le donne, sono belle.

Nel 2010 hai fondato Acaju do Brasil. Come ha fatto il concetto arrivati ​​a tanto?
Quando ho lasciato il mio lavoro nel settore bancario, nel 2007, era in tempi di crisi finanziaria in Occidente. Allo stesso tempo, il Brasile era in piena espansione, così ho visto tante opportunità là. Ho notato un intero segmento dei prodotti mancanti qui: o era di lusso o un prodotto locale a prezzi accessibili - niente in mezzo. Se i ragazzi intorno alla mia età volevano comprare qualcosa, erano spesso costretti ad andare all'estero. Causa anche lo shopping on-line da qui può essere una lotta, come i prodotti potrebbero non usanze del passato.

Come selezionate i marchi con cui lavori?
Sono interessato a marchi che non sono così conosciuti. Non mi importa di nomi, mi interessa circa prodotti ben fatti. Io di solito imbatto in questi marchi viaggiando intorno, mercati e grandi magazzini. È così che ci siamo messi in contatto con D1 Milano anche. Mi piace sempre di incontrare le persone che stanno dietro il marchio prima, quindi la squadra D1 venuto a San Paolo, abbiamo avuto alcuni al piano di sotto gelati e ho chiesto loro di alcuni campioni. Abbiamo apprezzato il prodotto dal momento che è pulito e nessuno sa ancora in Brasile.